giovedì 11 agosto 2016

La mossa del drago, Warchess Saga, Jonh D. Smith, Recensione

Ciao booksellers,
oggi è la mia ultima recensione di Agosto, prima di andare in vacanza, per poi rivederci a Settembre.
Devo chiedere scusa di tutto all'autore di questo romanzo, perché ha dovuto aspettare molto tempo per la recensione.
Il titolo del romanzo è La mossa del drago, che apre la trilogia di Warchess Saga, scritto da Jonh D. Smith ed è un self publishing.

Warchess Saga
La mossa de drago
Guerrieri eterni
La lingua che non esiste
Autore: Jonh D. Smith
Casa editrice: self publishing
Genere: fantasy
Data di uscita: 22 ottobre 2015


E' l'ultimo giorno di scuola per Mike, gli studenti si trovano fuori nel parcheggio quando un forte lampo fa svenite tutti tranne lui. Viene attaccato dagli Shofen che si cibano di anime umane finché non viene salvato da due Black Jack armati di pistole e spade. Da quel momento la vita cambierà per sempre.
Incontrerà Cavalieri, glover, fantasmi, elfi, demoni ma ogni inganno è nascosto dietro un altro inganno e arriverà a chiedersi se è lui a decidere per i suo destino o fa parte di una partita a scacchi di cui è solo una pedina.

Il protagonista del romanzo è Mike, che è un ragazzo come tanti, ma, con un destino particolare.
Mike si trova di fronte ad un destino più grande di lui, infatti lui è l'eletto il solo che può distruggere i nemici che provengono da altri mondi.
Mike è catapultato in un mondo di creature magiche fatte di elfi, demoni, fantasmi e cosi via. Questo ragazzo che fino a poco tempo prima aveva avuto una vita normale, è l'unico mezzo per la salvezza della Terra e dell'universo stesso.
In questo romanzo ci sono tante cose diverse, che nell'insieme non creano confusione. ma si legano tra loro, creando un mondo originale e fantastico.
Quindi, Mike si ritrova a passare da essere un ragazzo normale ad un eroe.
L'autore ha creato una storia ricca di elementi fantasy con creature soprannaturali, che danno vita ad un'atmosfera che rievoca mondi fantastici e lontani.
Lo stile dell'autore è scorrevole e fluido, ha un modo di scrivere che ti rapisce e ti tiene incollata dalla prima all'ultima pagina del romanzo.
Questo romanzo mi è piaciuto dal primo momento, perché è in grado di rapire il lettore e di trasportarlo in un altro mondo. A me personalmente, il fantasy non fa impazzire, ma, in questo caso posso dire tranquillamente di essermi ricreduta senza problemi.
E' un romanzo che è consigliato, per chi ama il genere e per chi per la prima volta si avvicini al fantasy.
Jonh è un autore che va sicuramente tenuto d'occhio,
Voi bokseller che cosa pensate di questo romanzo ?
Buone vacanze !

A presto, 
Mary la libraia pigra

 Apprendista libraia
.

Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro piccolo angolo, cresce grazie ai vostri commenti e alla nostra comune passione per la lettura.
Aiutateci a crescere, diventando un lettore fisso o dividendo i nostri articoli mediante il pulsante G+1.